MAXI ANTENNA A PAGLIARE DI SASSA: CITTADINI ANCORA MOBILITATI

DI ANGELO LIBERATORE

11 Gennaio 2019

Quell'antenna lì non può stare, è impattante sia dal punto di vista paesaggistico - oltretutto in un'area sottoposta a vincolo, vicinale alla chiesa di San Pietro Apostolo - sia a  causa del nodo legato all'elettrosmog. L'antenna in questione si trova a Pagliare di Sassa, periferia occidentale Aquilana, ed i cittadini della frazione da tempo si stanno battendo per ottenerne lo spostamento in un sito alternativo. Hanno avviato una raccolta firme (chiusa a più di 1400 adesioni), portato il documento a Villa Gioia in Commissione Ambiente e, stamani, hanno ribadito la loro richiesta anche ai consiglieri comunali del gruppo Insieme per L'Aquila saliti a Pagliare di Sassa per rendersi conto in prima persona della situazione e dare il loro appoggio a quella che definiscono "una giusta battaglia della popolazione".    L'antenna sorge di fianco ad una vecchia infrastruttura su ruote, montata - con la promessa che sarebbe stata temporanea - nell'immediato post sisma 2009 per garantire la copertura di rete alla zona. Nel 2016, però, è stato dato l'ok per la costruzione della nuova antenna che, come mostrano le immagini, ha invece tutti i crismi dell'essere permanente. Non solo. Spiegano i cittadini di come, a fronte di iniziali autorizzazioni solo per gli operatori tradizionali, oggi lo spettro dei potenziali utilizzatori finali dell'antenna sia sia di molto allargato.  In particolare rivolgendosi a soggetti che sperimenterebbero la tecnologia 5G. E - questa la voce del comitato no Antenne - se già con i soli operatori tradizionali agganciati, le emissioni dell'antenna arrivavano a valori di elettrosmog ai limiti della soglia di tolleranza, con l'aumento dell'operatività dell'infrastruttura il rischio concreto sarebbe quello di un pericoloso fuori scala.

PARTE DA L'AQUILA LA CORSA ALL'EMICICLO DI PIERPAOLO PIETRUCCI
GIOVANNI LEGNINI INCONTRA I SINDACI DEL CRATERE SISMICO 2009
1,5 MILIONI DI EURO PER IL DECENNALE DEL SISMA 2009: SIGLATO OGGI L'ACCORDO CON IL MIBACT
CALL CENTER, PEZZOPANE: "BASTA PASSERELLE"
IL PUNTO DI...
SULMONA, REGIONALI DI BENEDETTO: RICOSTRUIRE COESIONE
PESCARA, MARSILIO INCONTRA I GIOVANI DI CONFINDUSTRIA
PROGETTO RESTART,TUTTI I CAMBI NELLE LINEE GUIDA
MONTEREALE (AQ), GIORGI: A DUE ANNI SISMA SITUAZIONE VERGOGNOSA
CAMPOTOSTO (AQ) ONORA L’ESERCITO
L'AQUILA, CNU 2019 A RISCHIO: MURO CONTRO MURO CUS-REGIONE
CGIL ABRUZZO E MOLISE: "NO A DEROGHE SUL CODICE DEGLI APPALTI"
PARTE DA AVEZZANO LA CORSA ELETTORALE DI GIUSEPPE DI PANGRAZIO
"RESPIRO": DON VINCENZO MASSOTTI RACCONTA IL CASO ALFIE EVANS
CATTOLICI IN POLITICA TRA NUOVI SPAZI E RIAGGREGAZIONE
PISCINA SANTA BARBARA CHIUSA: 99SPORT SCRIVE AL SINDACO BIONDI
"MEMORIE DI ROCCIA E DI NEVE", LUCA ANGELETTI RACCONTA PER IMMAGINI IL "SUO" GRAN SASSO
LISTA ESCLUSA A PESCARA: CASAPOUND ITALIA FA RICORSO
MARSILIO FERMO SU CASO UDC: RITIRINO LA CANDIDATURA O FUORI DALLA COALIZIONE
CASO UDC, DI SABATINO (PD): UN PASTROCCHIO
PROVVISIONALI PARENTI VITTIME DEL SISMA, BIONDI: STATO SIA EQUO
UDC FUORI DALLA COALIZIONE DI CENTRODESTRA MA CON MARSILIO PRESIDENTE
PROTESTE PER PORTALE REFERTI ASL 1 FUORI USO
STRAORDINARI E INDENNITÀ AI MEDICI E VETERINARI DELLA ASL 1, FP-CGIL: "ENNESIMA BEFFA"
L'AQUILA: PRESENTAZIONE LISTE FORZA ITALIA
ELEZIONI FI: TAJANI: IL LAVORO PRIMA DI TUTTO, LISTA COMPETITIVA
LA "NOTTE NAZIONALE DEL LICEO CLASSICO" DEL LICEO COTUGNO
PREMIO STREGA: VERONESI ED ALBINATI A L’AQUILA
PE, POLIZIA LOCALE. CONSIGLIO FIUME SUL REGOLAMENTO
MONTESILVANO: ARRESTATO 50ENNE PER SPACCIO
CARROZZINE DETERMINATE ABRUZZO A MONTECITORIO
PROROGA TORDERA, FEBBO: ATTO INOPPORTUNO