EDILIZIA SANITARIA: ANCORA POLEMICHE SUI FONDI. VERì RISPONDE AL SINDACO DI LANCIANO PUPILLO

DI MARCO GIANCARLI

16 Gennaio 2020

Continua il botta e risposta sui fondi destinati all’edilizia sanitaria abruzzese. A tornare sull’agomento è l’assessore alla sanità Nicoletta Verì che rispondendo alle accuse lanciate dal sindaco di Lanciano Mario Pupillo dice: "I 143 milioni per l'edilizia sanitaria, destinati alla costruzione dei nuovi ospedali in Abruzzo, non sono stati affatto trasferiti alla Regione, perché i ministeri non si sono ancora espressi sull'accordo di programma trasmesso a Roma oltre un anno fa dall'ex assessore Paolucci. E senza la firma di quel documento non è possibile programmare o avviare alcun progetto. Quei 143 milioni - continua l'assessore - sono stati solo assegnati alla Regione Abruzzo, ma non ancora deliberati o tantomeno erogati. Chiedo al sindaco di Lanciano di farci sapere, visto che dice di esserne a conoscenza, qual è l'accordo di programma che renderebbe utilizzabili queste somme. Va poi ulteriormente chiarito che, in ogni caso, l'accordo presentato a suo tempo (e per fortuna non approvato), deve essere aggiornato alla luce dei nuovi finanziamenti per l'adeguamento sismico delle strutture. Ricordo ancora una volta - prosegue la Verì - che i progetti per i nuovi nosocomi di Lanciano, Vasto, Avezzano e Sulmona non sono della giunta Paolucci-D'Alfonso, ma risalgono all'amministrazione di Gianni Chiodi, quando ero presidente della Commissione consiliare Sanità. E' necessaria una verifica approfondita – rimarca la Verì - sia per analizzare la compatibilità con i piani di fabbisogno di personale e sia soprattutto per la loro sostenibilità finanziaria, perché prevedevano una compartecipazione del privato intorno ai 150 milioni di euro, da rimborsare come canoni negli anni della successiva concessione". Il costo corrispondente ad una anticipazione di quel genere, per una durata media di 25 anni, ammonterebbe a non meno di 20 milioni annui a carico del bilancio delle Asl interessate. Il tutto senza la prova di reali economie di gestione derivanti dalla realizzazione dei nuovi ospedali. Anzi, verrebbero erose quote consistenti della spesa corrente (quella cioè destinata all'assistenza sanitaria) per saldare i canoni al privato. " Questo governo regionale, invece – conclude l’assessore, punta a individuare nuove fonti di finanziamento che siano sostenibili per le casse delle Asl e non vadano a sottrarre risorse all'assistenza ai cittadini".

OSS DELLA ASL DI LANCIANO VASTO CHIETI SENZA LAVORO
PROTESTA DEL CIAPI IN CONSIGLIO REGIONALE
TAGLI CORSE TUA, ARRIVANO SOLUZIONI PER PENDOLARI
LEGNINI SI DIMETTE DA CONSIGLIERE REGIONALE
CONSIGLIO REGIONALE: QUARESIMALE ASSENTE INGIUSTIFICATO
L'AQUILA, PONTE BELVEDERE IN COMMISSIONE:I PROGETTI DIVIDONO
PUNTELLAMENTI DISMESSI: IL COMUNE DEVE DECIDERE COSA FARNE
EDILIZIA SCOLASTICA, OK A DISCIPLINARE CON INVITALIA
FORZA ITALIA: MARTINO ALLA RESA DEI CONTI
IL MINISTRO DE MICHELI ALL'INFN: 60 MLN PER AUTOSTRADE
AQ: BOSCHI PRESENTA IL GRUPPO CONSILIARE DI IV
L'AQUILA, POKER IN RIMONTA AL MOSCIANO: FINISCE 4-1
LA LEGA ITALIANA SBANDIERATORI A L'AQUILA
PERSONALE E FONDI RICOSTRUZIONE: LE PRIORITÀ DEI DEM AQUILANI
SISMA 2016/2017: LEGNINI COMMISSARIO. DOMINO IN REGIONE
PIERPAOLO PIETRUCCI TORNA IN REGIONE: "SUBITO AL LAVORO"
A PALAZZO FIBBIONI LE MILLE SFACCETTATURE DELL'AMORE
CIRCOLO TENNIS "PEPPE VERNA": AL VIA I LAVORI
RESTITUZIONE TASSE, MINISTRO AMENDOLA A L'AQUILA
INVECCHIAMENTO: I TRUCCHI PER UNA MENTE ATTIVA
LA PROVINCIA LETTERARIA RISCOPRE LELJ ROMANZIERE
ASL1: NUOVO CONTRATTO PER 84 LAVORATORI
SCUOLA: IL VICE MINISTRO ANNA ASCANI A L'AQUILA
ACCORDI COMUNE DELL'AQUILA-OO.PP.-ANAC: OK AL RINNOVO
L'AQUILA: DOPPIA SEDUTA SU TERRENI C.A.S.E.
L'AQUILA, CINGHIALI: REVOCATA L'ORDINANZA CONTESTATA DAL PARTITO ANIMALISTA
LILIANA SEGRE CITTADINA ONORARIA DELL'AQUILA
IMPIANTI SANTA BARBARA: IL BANDO PASSA
BORSE DI STUDIO NON ASSEGNATE, LA DENUNCIA DELL'UDU
MONTESILVANO, ANCORA INCIDENTI SULLA VESTINA.GRAVE UN BAMBINO
ABRUZZO: CORONAVIRUS, EMERGENZA SENZA PSICOSI
AQ: L’ANTENNA DI CESE DI PRETURO SCALDA GLI ANIMI IN CONSIGLIO COMUNALE