Operazione dietro le sbarre a Sulmona: trovati altri quattro telefonini

di Patrizio Iavarone

28 Febbraio 2024

La sveglia è suonata presto questa mattina nel carcere di via Lamaccio a Sulmona dove oltre cento agenti di polizia penitenziaria provenienti da Lazio, Abruzzo e Molise, hanno setacciato una ad una le celle dei detenuti del penitenziario. I recenti e meno recenti ritrovamenti di droga e telefoni dietro le sbarre, non ultimo la consegna effettuata da un drone di un sacco contenente appunto due etti di hashish e sei telefoni il 13 febbraio scorso, hanno spinto la direzione e il Dap a dare un segnale agli oltre 470 reclusi in via Lamaccio. Così questa mattina, cani antidroga al seguito, la polizia penitenziaria è entrata in azione e dopo aver trasferito i detenuti in una stanza comune, ha provveduto ad ispezionare le loro celle. A seguito della perquisizione sono stati scovati quattro telefoni cellulari, oltre ad altro materiale che non è consentito in carcere, come ad esempio macchinette per eseguire tatuaggi. I responsabili saranno ora denunciati all’autorità giudiziaria. I poliziotti non hanno però trovato droga nelle celle, nonostante sia comune l’uso di stupefacenti tra i detenuti. La stretta della direzione e del Dap si è resa necessaria dopo i continui ritrovamenti di telefoni in carcere che lo scorso anno portarono all’arresto anche di un basco blu, trovato con quattro telefoni in tasca al suo rientro da una licenza. Tant’è che ora è allo studio del ministero l’ipotesi di schermare lo spazio aereo ai piedi del Morrone per rendere inutilizzabile, comunque, qualunque telefonino. Tanto comodo deve risultare il supercarcere di Sulmona che nei giorni scorsi un mafioso 38enne siciliano, Giovanni Crinò, ha deciso di costituirsi qui dopo aver percorso centinaia di chilometri per scontare una condanna in via definitiva ad 8 anni. L’uomo, chiariscono i familiari, è stato condannato per associazione mafiosa, ma non gli vengono contestati tutti i reati elencati nell’inchiesta che portò al suo arresto insieme ad altre 58 persone, denominata Dinastia.

L'Aquila ingrana la quinta: United Riccione battuto e vetta a due punti
A trent'anni dal quinto scudetto la mostra "L'Aquila città del Rugby"
Manuel Bortuzzo incontra gli studenti della Dante Alighieri dell'Aquila
A Montesilvano le premiazione dei settori giovanili di pattinaggio
Prima giornata nazionale della prevenzione
Il Tribunale Ecclesiastico invoca la pace
L'Aquila attende lo United Riccione
Elezioni Europee: Eliseo Iannini (Forza Italia) apre la campagna elettorale
Progetto Inclusion-e: motorsport inclusivo
Rifiuti, anche a Teramo arriva la tariffa puntuale
Il Tar dà ragione a Sottosopra
Gestione stadio Bonolis, la replica a D’Alberto di Iachini
Gestione dello stadio Bonolis il sindaco pronto a riprendere la trattativa
Pescara: Pettinari a fianco di studenti e residenti di Rancitelli
Pescara: la denuncia del Movimento 5 Stelle sul PEBA
Azione candida Libera D'Amelio alle Europee 2024
"Non farti rovinare": la Provincia dell'Aquila contro usura e estorsione
Superbonus: i tempi per i crediti d'imposta si allungano?
La Croce Rossa Italiana al centro di un convegno all'Aquila
"Da solo non basto": la mostra approda a Lanciano al Teatro Fenaroli
Algoritmi, monaci e mercanti: viaggio nel Medioevo per scoprire le radici del calcolo
L'Aquila, il benessere organizzativo nelle dinamiche aziendali
Teramo, all'Istituto Alessandrini la finale regionale dei "Giochi della Chimica 2024"
L'Aquila: gli ingegneri si confrontano a 15 anni dal sisma
Sicurezza sul lavoro, l’incontro tra Cisl e Istituzioni
Torna a Teramo la Fiera dell’agricoltura a Teramo
Libera D’Amelio subentra in Consiglio provinciale al posto di Pavone
Il gestore dello stadio Iachini: "Stop alle trattative con il Comune di Teramo"
Il ricordo di Barabara Paolone è nelle "Stelle"
L'incontro con i ragazzi di Pescara: "Diamo forma al futuro con il cibo"
L'Aquila: il GSSI si racconta tra passato e futuro
Superbonus rafforzato, il PD: aree sisma a rischio